la verifica della falsità dei crediti delle banche - Polo didattico, scolastico, universitario UniSocrates

Accesso riservato
Vai ai contenuti
Corsi di Alta Formazione > Area: Tecnico/giuridica
Bilancia e Giustizia
Prezzo Prezzo: Euro 190,00
Durata Durata: 8 ore (Venerdì 09-11-2018 dalle ore 09:00 alle ore 18:15 -vd programma)
Iscrizioni Iscrizioni: Chiuse
Informazioni Informazioni: segreteria@unisocrates.it
Logo ordine avvocati arezzo Corso Accreditato dall'Ordine degli Avvocati -Arezzo= 6 Crediti Formativi
Ordine dottori commercialisti Corso Accreditato dall''Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili -- Arezzo = 8 Crediti Formativi


  
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN
       
LA VERIFICA DELLA FALSITA' DEI CREDITI DELLE BANCHE

SCHEDA CORSO                   

AREA: TECNICO/GIURIDICA
      
  
CATEGORIA: PERFEZIONAMENTO/FORMAZIONE
  
ANNO FORMATIVO: 2018/2019.

DURATA: 8 ore (dalle ore 09:00 alle ore 13:00/dalle ore 14:15 alle ore 18:15)
  

DATA SVOLGIMENTO: Venerdì,  09 Novembre 2018

ISCRIZIONI: APERTE.

MODALITA' DI FREQUENZA: In presenza. Presso aula didattica UniSocrates,  sede sita in Arezzo, Via Modigliani n. 4.

PRESENTAZIONE: Negli ultimi anni, e soprattutto dall'anno 1999, a seguito delle Sentenze della Corte di Cassazione che dichiararono l'illegittimità dell'anatocismo (capitalizzazione periodica degli interessi passivi), abbiamo assistito ad una proliferazione delle cause e delle vertenze ove correntisti hanno preteso --  e ottenuto per via giudiziale --  la restituzione degli interessi ultralegali incamerati indebitamente dagli Istituti di Credito. In tale circostanza si è potuto accertare che, in molti casi, gli istituti di credito non avrebbero potuto/dovuto agire in via esecutiva alla vendita forzata dei beni posseduti dai fideiussori/garanti, dal momento che ci si ritrovava in assenza di debiti (o riduzioni significative degli stessi), o addirittura in presenza di un credito a favore dei correntisti. Si rende necessario quindi porre sempre a verifica la situazione contabile del correntista, utilizzando gli strumenti giuridici previsti per impostare la propria difesa in ambito giudiziario. Gli illeciti civili, ma soprattutto penali --  derivanti da una pretesa creditizia infondata nei confronti di correntisti e di imprese, da parte di banche e finanziarie  --  possono essere molteplici, e vanno dalle false attestazioni, alla frode, addirittura all'estorsione. E' importante quindi conoscere la materia e la disciplina vigente, con il fine sia di impostare una corretta difesa giudiziaria, sia -- se si gestiscono fallimenti o procedure esecutive e/o attività di  recupero dei crediti bancari -- per non incorrere in possibili e gravi violazioni di legge.

OBIETTIVI FORMATIVI: Il corso mira a focalizzare l’attenzione di avvocati, commercialisti e consulenti   sul fatto che l’opposizione all’esecuzione giudiziaria per il pagamento del credito bancario “irregolare” (viziato da clausole nulle / usurarie) oltre agli elementi di diritto relativi al contratto, dovrebbe considerare anche l’altra parte della prova (scritta) dello stesso ovvero i documenti contabili che lo attestano (dichiarazione art. 50 Tub, estratti conto, piani di ammortamento e quietanze), i quali, se la somma richiesta con l’atto giudiziario non corrisponde alla somma effettivamente dovuta, sono indubbiamente errati ovvero falsi (totalmente / parzialmente). La questione è anche collegata al fenomeno della tentata estorsione o di altri possibili reati (falso indotto in atti pubblici, frode processuale,), connessi alla riscossione di un credito irregolare / usurario, stranamente ignorati finora dalla magistratura, se la riscossione avviene tramite ordinarie esecuzioni. Nel corso sarà ampiamente trattata anche la procedura (querela ex art. 221 c.p.c.) per far dichiarare falso il documento contabile utilizzato della banca, insieme al contratto, per chiedere il decreto ingiuntivo o per azionare il precetto, se viene provato che l’importo dovuto (il credito) ivi indicato non è “vero” (certo). Nel caso delle procedure concorsuali la banca, di norma, dopo il passaggio a sofferenza, si insinua negli stati passivi o chiede il pagamento dei suoi crediti (anche se falsi) tramite decreti ingiuntivi (ottenuti con semplici autocertificazioni) o con documenti contabili che non vengono mai valutati in contraddittorio.
La procedura della querela di falso offre agli interessati ed in particolare all’esecutato (apparente debitore) la possibilità di contestare i saldi dei cc/cc o i debito residuo dei mutui, tramite una perizia che smentisca la documentazione contabile della banca, pure se confermata da sentenze e decreti ingiuntivi non opposti che, a norma dell’art. 656 c.p.c., possono essere revocati, nonostante molti addetti ai lavori li considerino “passati in giudicato” e pertanto immodificabili.
  
  

PROGRAMMA DEL CORSO:
ore 9,00 – 9,15
   
Accoglienza, presentazioni

ore 9.15 9.30
Mezzi di prova e falsità
La falsità nei documenti  
Reati di falso materiale / ideologico  
Falso estrinseco / intrinseco  
Falsa autocertificazione del credito  

ore 9,30 - 10,00
Categorie di finanziamenti (legge 108/96)
FINANZIAMENTI AD UTILIZZO FLESSIBILE  
Aperture di credito in conto corrente  
Scoperti senza affidamento (dal 2010)  
Finanziamenti per anticipi e sconti commerciali  
Credito revolving e con utilizzo di carte di credito (dal 2004)  
FINANZIAMENTI A RIMBORSO RATEALE  
Mutui con garanzia ipotecaria (ad imprese e famiglie)  
Crediti personali (mutui chirografari, senza garanzia reale, a famiglie)  
Crediti per l'acquisto rateale (di beni di consumo)  
Prestiti contro cessione del quinto (dello stipendio / pensione)  
Operazioni di leasing  

ore 10,00 - 11,00
Usura ed irregolarità nei finanziamenti bancari
Il reato di usura”  
Usura oggettiva (presunta) - art. 644, comma 1  
Il “tasso (annuo) effettivo globale” [T(A)EG]  
Il “tasso soglia”  
Usura soggettiva (in concreto)  
Usura originaria e sopravvenuta  
Le irregolarità nei conti correnti  
Anatocismo
Interessi ultralegali  
Oneri indebiti (cms)  
Le irregolarità nei mutui  
Il tasso globale effettivo  
Il tasso di mora  
Le garanzie  

ore 11,00 - 11,10
Pausa caffè  

ore 11,10 - 12,00
Riscossione del credito usurario / irregolare
Documenti falsi nelle riscossioni giudiziarie di crediti  
Frode processuale (art. 374 c.p.)  
L’uso di documenti falsi è sempre vietato  
Violenza nella riscossione giudiziaria del credito  
L’esecuzione forzata è violenza (legittima se lecita)  
Riscossione forzata e violazione dei diritti dell’uomo  

ore 12,00 - 13,00
Documenti falsi nelle riscossioni giudiziarie di crediti
Falsità della dichiarazione ex art. 50 Tub  
Atto pubblico nel codice penale  
Classificazione della dichiarazione ex art. 50 Tub  
La dichiarazione come atto pubblico  
La dichiarazione come scrittura privata “autenticata”  
Il dirigente della banca è un “pubblico ufficiale”  
Nome identificabile e firma leggibile  
Prova ideologicamente falsa del credito  

ore 13,00 - 14,15  
Pausa pranzo  

ore 14,15 - 15,15
Querela civile di falso (art. 221 c.p.c.)
Procedimento autonomo  
Falsità degli atti pubblici  
Falsità delle scritture private  
La procedura (incidentale / ordinaria)  
Contenuto della querela  
Proposizione della querela (dichiarazione / citazione)  
Querela incidentale / ordinaria  
Caratteristiche della querela incidentale  
Valutazione di ammissibilità  
Querela incidentale nell’esecuzione  
L’interpello (art. 222 c.p.c.)  
Presentazione della querela (art. 222 c.p.c.)  
Caratteristiche della querela ordinaria  
Valutazione ammissibilità solo formale  
Conferma della querela (art. 99 disp. att.)  
La competenza territoriale  
Il giudizio (civile) di falso  
Intervento obbligatorio del PM (  
Attività del PM  
Istruzione della causa  
Esame del documento (art. 223 c.p.c)  
Altre attività istruttorie (nomina c.t.u.)  
Intervento del c.t.u. (art. 217 c.p.c.)  
Indicazione dei mezzi di prova (art. 183 c.p.c.)  
Transazione sulla falsità dei documenti (art. 1968 c.c.) 4  
Accertamento della falsità
Sentenza di accertamento (art. 226 c.p.c., comma 2)  
Falso indotto e revocazione  
Falso indotto ed interpello  
Rigetto della querela (art. 226 c.p.c., comma 1)  
La querela di falso ed i danni  
I danni causati dal documento falso  

ore 15,15 - 15,30  
Risposta a quesiti  

ore 15,30 - 16,35  
Querela di falso nelle esecuzioni
Querela di falso nell’opposizione al decreto ingiuntivo  
Oggetto della querela di falso  
Reclamo contro l’inammissibilità della querela  
La sospensione del processo principale (art. 295 c.p.c.)  
Sospensione per falso nelle controversie bancarie  
Querela di falso nell’opposizione all’esecuzione  
Evento sopravvenuto  
Querela di falso (incidentale) nell’udienza ex art. 510/596 c.p.c.  
Ordinanza decisoria e sospensione  
Querela di falso del terzo danneggiato  
Revoca del giudicato (art. 395 c.p.c.)  
Revoca per falso del decreto ingiuntivo non opposto (art. 656 c.p.c.)  
Sospensione per falso nel processo esecutivo  
Sospensione per revocazione (art. 401 c.p.c.)  

ore 16,35 - 16,45 Pausa  

ore 16,45 - 17,30
Credito bancario falso e procedure concorsuali  
La riscossione del credito falso nelle procedure concorsuali  
Certificazioni del credito  
Prova del credito e saldo del c/c  
Utilizzo del credito falso per l’insinuazione al passivo  
Credito fraudolentemente simulato (art. 232 l.f.)  
Responsabilità di curatori / gestori  
False attestazioni nelle soluzioni delle crisi (art. 236 bis l.f.)  
L’attività dell’attestatore  
Usura / irregolarità nelle attestazioni  
False attestazioni nel sovraindebitamento (art. 16, l. 3/2012)  

ore 17,30 - 18,15
Risposta a quesiti

STRUMENTI DIDATTICI: Il corso prevede la partecipazione e la frequenza presso la nostra aula didattica, sita in Arezzo, Via Modigliani n. 4,  quartiere Giotto . Ai partecipanti verrà consegnato il libro del dr. Frescura :False attestazioni dei crediti bancari in Italia”.

DESTINATARI DEL CORSO: Il corso è rivolto ad avvocati, commercialisti, curatori fallimentari, notai, delegati alle vendite nelle aste immobiliari, imprenditori, commercianti, artigiani, associazioni di categoria, magistrati.
  
ATTESTATO: Al termine del corso sarà rilasciato un attestato di frequenza dal centro Unisocrates.

QUOTA DI ISCRIZIONE:  Euro 190,00 (iva inclusa)

MODALITA' DI PAGAMENTO: Euro 100,00 al momento dell'iscrizione; Euro 90,00 da corrispondersi, a saldo, almeno 10 giorni prima della data in cui si svolge l'evento formativo.
  
ISCRIZIONI E INFORMAZIONI: Per informazioni o ricevere il modulo di iscrizione al corso, è possibile telefonare al seguente numero: 0575.23893  oppure inviare email al seguente indirizzo: formazione@unisocrates.it.

TRATTAMENTO DATI PERSONALI: Per informazioni sul trattamento dei dati, è possibile consultare il seguente link: https://www.unisocrates.it/informativa-privacy.php.    



  

  

  
  
  



©2020 UniSocrates s.r.l
Torna ai contenuti